calciomercato juve

Calciomercato Juve, Allegri pronto a salutare: destinazione Chelsea

Calciomercato Juve – La sconfitta a Torino contro il Real Madrid rischia di decretare la fine di un ciclo. Quello della Juventus di Massimiliano Allegri, una delle squadre più vincenti del calcio italiano ed europeo. La disfatta subita in casa era immaginabile, e ora in molti, dentro la società, l’allenatore in primis, stanno valutando le ipotesi di un clamoroso cambiamento.

L’allenatore toscano starebbe già programmando i primi colpi del club londinese

Allegri vuole chiudere la rosa, a breve un altro colpo
Allegri vuole chiudere la rosa, a breve un altro colpo

I media italiani, da giorni oramai, riportano di un accordo tra l’ex tecnico del Milan e il Chelsea, per la stagione prossima. Il club anglosassone sta vivendo una stagione deludente sotto ogni punto di vista, e l’addio di Antonio Conte sembra oramai certo. Dunque sono molti gli scenari che si devono comporre nei primi giorni di trattative, tra ipotetici acquisti e cambi di gestione.

Il tecnico ha chiesto tre calciatori bianconeri

Db Torino 20/12/2017 – Coppa Italia / Juventus-Genoa / foto Daniele Buffa/Image Sport
nella foto: esultanza gol Paulo Dybala

Allegri non vuole abbandonare la guida della Vecchia Signora senza vincere il tricolore. Marotta e Paratici intano si stanno guardando intorno per individuare un eventuale sostituto, anche se ovviamente la pista preferita porterebbe a un clamoroso ritorno di Carlo Ancelotti sulla panchina bianconera. La dirigenza però, deve prestare attenzione anche alle possibili partenze di alcuni pupilli del tecnico attuale, che potrebbe portare alcuni elementi con se a Londra.

I media inglesi riportano le prime richieste di Allegri. I giocatori indispensabili sarebbero BernardeschiBentancur Miralem PjanicI primi due sono molto promettenti e l’ex mister rossonero stravede per loro, mentre il regista bosniaco è stato individuato come la colonna dei nuovi Blues. Ovviamente la Juventus non lascerà partire facilmente i suoi campioni, ma il rischio rimane concreto.

Related Articles

Close