calciomercato juvefeaturedjuventus news

Juve, dopo l’assalto ad Higuain, ecco i brasiliani

L’assalto al “Pipita” Higuain continua, la Juve fa sul serio e con un occhio al futuro continua a lavorare sul fronte mercato senza sosta. La dirigenza bianconera, dopo aver raggiunto l’accordo col l’attaccante della nazionale argentina, ha intenzione di regalare anche a Fabio Grosso, allenatore della Primavera bianconera, elementi in grado di fargli fare la differenza e soprattutto in grado di garantire un roseo futuro ai colori bianconeri. Questo quanto scritto dall’importante sito calciomercato.com sul fronte Juve:

Senza scomodare il colpo Alex Sandro e il flop Hernanes messi a segno lo scorso agosto, è pronta a nascere un’autentica nuova colonia brasiliana in casa Juve. Negli ultimi due anni si è intensificato a dismisura il lavoro degli osservatori bianconeri in Sudamerica e particolarmente in Brasile, con i primi passi concreti che si sono trasformati in affari veri e propri a partire da questo gennaio. Ed ora la Juve è pronta a raccogliere i frutti.

ECCO ROGERIO E MATHEUS PEREIRA – Il primo risponde al nome di Rogerio Oliveira da Silva, o più semplicemente Rogerio: esterno sinistro di difesa classe ’98, arrivato in Italia a gennaio dopo un affare da circa 2,5 milioni versati nelle casse dell’Internacional. Parcheggiato al Sassuolo per sei mesi con cui ha giocato una manciata di partite in Primavera, Rogerio è ora pronto ad aggregarsi alla Primavera di Fabio Grosso in ritiro da lunedì. Dovrebbe essere quindi lui il primo rinforzo per i vice campioni d’Italia, anche se per il momento Rogerio è arrivato solo a titolo temporaneo, una prova da vivere in ritiro col nulla osta del Sassuolo in mano prima che venga deciso se portarlo definitivamente a Torino o se lasciarlo in Emilia dove avrebbe maggiore possibilità di respirare l’aria della prima squadra in serie A. Ieri le visite mediche per lui, proprio mentre il secondo talento brasiliano in orbita Juve si presentava ad Empoli: si tratta di Matheus Pereira, centrocampista mancino dalle spiccate doti offensive classe ’98. Per lui la Juve ha lavorato a lungo in questi mesi per sbloccare le pratiche burocratiche che avrebbero potuto renderlo comunitario grazie ad alcuni lontani parenti italo-tedeschi, senza successo. Motivo per cui si è optato per completare l’operazione in sinergia con l’Empoli, dove a sua volta lavorerà a cavallo tra prima squadra e Primavera: tra sei mesi il primo punto della situazione.

TOCCA A GABIGOL Se con Rogerio e Matheus Pereira si può dire che la Juve abbia fatto le prove, Marotta e Paratici sono passati a fare sul serio per i due potenziali fenomeni del calcio brasiliano. Prima di tutti la Juve si è mossa su Gabriel Jesus, lo stesso Alexandre Motta (direttore tecnico del Palmeiras) ha ammesso come i primi contatti concreti fossero bianconeri, ma la concorrenza della cinque grandi con la clausola a 24 milioni anziché 40 (Bayern, Psg, Manchester United, Real Madrid e Barcellona) e quella di un’Inter senza paura sembrano ormai aver raffreddato questa pista. Al contrario è diventata incandescente quella che porta a Gabriel Barbosa Almeida, per tutti Gabigol: l’attaccante mancino del Santos classe 1996 è uno degli obiettivi principali per completare l’attacco, al fianco del croato Pjaca e indipendentemente dalla clamorosa offerta per Higuain. La concorrenza di Chelsea e Arsenal è pronta ad essere superata con un’offerta di quasi 20 milioni più bonus, già piuttosto vicina alla richiesta da 25 milioni della società brasiliana che ne condivide la titolarità del cartellino con Doyen e la famiglia di Gabigol. Passi decisivi sono attesi per l’inizio della prossima settimana. Intanto la Juve del futuro sembra poter avere sempre più una forte sfumatura verdeoro.

Fonte: calciomercato.com

Related Articles

Close