featuredtuttojuve

Pagelle Real Madrid Juventus: surreale Bernabeu ma grande prova. Il migliore è…

Pagelle Real Madrid Juventus: remunatada possibile ma servirà attenzione e carattere

Pagelle Real Madrid Juventus: il match si presenta come un appetitoso piatto nel menù del più importante ristorante europeo: il Santiago Bernabeu. Corsi e ricorsi, duelli e battaglie con precedenti che non possono in nessun modo condizionare i bianconeri. Non c’è nulla da perdere in questa partita, ma eventualmente solo da guadagnarci. La Roma ha fatto la Storia e la Juventus ha dalla sua la migliore formazione possibile con il ritrovato Pjanic e un solido e forse più collaudato 4-3-3. I blancos invece riconfermano il modulo dovendo però sostituire Ramos squalificato.

Pagelle Real Madrid Juventus

Buffon 7: reattivo, elastico, presente e sicuro. Una prestazione stratosferica per il numero uno bianconero che interviene più volte, sbarrando la porta ai blancos.

De Sciglio Sv : comincia male e non si intende con il suo allenatore. Viene sostituito da Lichtsteiner (6) che fornisce l’assist del due a zero. Meno bene in fase difensiva con ammonizione giusta su un fallo su Ronaldo.

Benatia 6,5: preciso e reattivo. Il numero 7 blancos è un brutto cliente. Lui però guarda sempre fisso il pallone, non facendosi ipnotizzare.

Chiellini 7: salva di fronte al suo capitano un gol praticamente fatto. Tanto cuore e tanta concentrazione. Spende tutto quello che ha e si fa sentire per tenere unito un reparto contro le offensive avversarie.

Alex Sandro 6: messo nel suo ruolo fa la differenza. Terzino di grande vigore e tenpismo. Quando vede spazio, gestisce benissimo i tempi di inserimento.

Khedira 6,5: assist al bacio nel primo tempo che mette subito la partita sui binari giusti. Cerca soluzioni offensive interessanti ed è il primo a proporsi per rendere la manovra imprevedibile.

Pjanic 6,5: quanto si sia sentita la sua mancanza all’andata è apparso evidente. Cervello pensante di un centrocampo e di un’intera squadra. Sbaglia pochissimi palloni e mostra maturità da fuoriclasse nel dettare il ritmo in mezzo al campo.

Matuidi 6,5: partita dal lavoro sporco, ovvero, quello di chiudere, deviare e rallentare le linee di passaggio degli uomini di Zidane. Per il gran sacrificio arriva però poco lucido sulla trequarti a dare un contributo offensivo.

Costa 6,5: praticamente immarcabile negli spazi, anche palla al piede. Marcelo è costretto a molte rincorse e spesso decide di ritardare l’intervento per non cadere nelle trappole del connazionale.

Higuain 6: non tocca molti palloni, ma comunque la squadra ne giova. Risucchia a turno uno dei due centrali e consente appoggi e aperture per gli inserimenti.

Mandzukic 7: Non avrà la caratura tecnica di molti suoi compagni di squadra, ma in quanto a intelligenza tattica, grinta e personalità è sicuramente il migliore.

Allegri 6,5:prova corale dei suoi di grandissimo livello. I top club reagiscono e concretizzano le occasioni credendo nelle proprie potenzialità. La gara infatti è una certificazione della crescita per cui il club lavori da anni. Mette in campo una formazione competitiva nonostante manchi un pezzo da 90 come Dybala.

 

Related Articles

Close