tuttojuve

Tuttojuve, Szczesny: “Non sono la riserva di Buffon. Florenzi ti aspetto”

Tuttojuve – Arrivati ormai a fine marzo, il futuro di Gigi Buffon non è ancora noto. Il numero uno della Juventus e della nazionale, ha da tempo ammesso di aver già preso la decisione definitiva sulla sua carriera.

Ritiro di Buffon o meno, la Vecchia Signora ha da tempo messo sotto contratto l’erede di Gigi: Wojciech Szczesny. Costato meno di 15 milioni, il polacco ha dimostrato di essere pronto a fare il titolare in una squadra di alto livello come la Juve. L’ex portiere di Roma e Arsenal si è raccontato in una lunga intervista a Tuttosport, parlando anche della sua situazione attuale.

“Buffon? Contento se continua, ma non mi sento una riserva”

“Mi aspettavo di venire qui e di lottare per conquistarmi un posto, ho avuto la fortuna di giocare più di quanto pensassi. Una volta capito che era ora di andare via dall’Arsenal è arrivata subito l’offerta della Juve e a quel punto è stato facile scegliere. Sapevo che avrei trovato Buffon, il portiere più forte della storia del calcio, però era anche un’opportunità per allenarmi con uno dei migliori al mondo.

Poi penso sia positivo un anno da portiere che non le gioca tutte. Non mi sento una riserva. Sarà più facile diventare titolari dopo questo “stage” con Gigi. Cosa mi può insegnare? A livello tecnico sicuramente molto. La cosa più importante, però, è la leadership: come aiutare i compagni, come comandare la difesa.

Cosa mi ha colpito di Buffon? Ripenso alle sconfitte con Lazio e Sampdoria. Ho visto tutto il gruppo, Gigi in primis, che non aveva panico. C’era tranquillità e consapevolezza del fatto che bisognava solo andare in campo e lavorare. Questo è molto diverso rispetto a quello che ho vissuto in altre squadre”.

“Roma e Arsenal? Juve altro mondo”

Db Torino 03/01/2018 – Coppa Italia / Juventus-Torino / foto Daniele Buffa/Image Sport
nella foto: Wojciech Szczesny

Si continua con un paragone tra la sua attuale squadra e le ultime due prima dell’approdo a Torino:Qui alla Juve, a differenza che dalle altre parti, tutti sono coscenti della loro bravura, della loro classe. Un momento difficile non crea panico, sappiamo che bisogna solo continuare a lavorare. Alla Roma e all’Arsenal un periodo difficile creava molto subbuglio. A differenza del calcio inglese, poi, la difesa è molto più ordinata”.

Il rapporto con i compagni e Allegri

Allegri Juve

“Giocare con Higuain e Dybala è dura, perchè in allenamento mi fanno tanti gol, ma mi aiutano a migliorare così come Chiellini e Barzagli. Loro fanno tutto il lavoro sporco, io devo solo stare in porta. Nelle ultime partite ho preso 5-6 tiri, significa che la squadra fa qualcosa di buono. Mi annoio? Sono le partite più faticose, devi sempre stare attento.

Allegri è un uomo molto umile che, conoscendo le qualità offensive della squadra, non disdegna il lavoro difensivo. Sta facendo la storia di questo club e voglio farlo anche io. Come ? Semplice, vincendo tutto. Ci sono squadre molto forti in Europa, ma noi siamo comunque la Juventus e abbiamo il dovere di trionfare”.

L’invito a Florenzi: “Gli consiglio la Juve”

Pazza idea, dopo PJanic un altro della Roma
Pazza idea, dopo PJanic un altro della Roma

Infine un “invito” a Florenzi a passare alla Juventus: Se gli consiglierei di venire qui ? Mi pare ovvio, la Juve è la squadra ideale per un grande giocatore come lui. Poi non so cosa ne pensa, ma se volesse diventare più forte questa sarebbe la squadra perfetta”.

 

 

 

Close